20.01.2016: funzionari italiani denunciati per truffa internazionale a Trieste
Trieste Libera |Svobodni Trst | Freies Triest| Free Trieste

Movimento Trieste Libera

Sito ufficiale


Gibanje Svobodni Trst |Bewegung Freies Triest |Free Trieste Movement

Trieste: funzionari e politici italiani denunciati

per truffa internazionale

Trieste, 20 gennaio 2016. – Il Movimento Trieste Libera, che difende lo status ed i diritti del Free Territory of Trieste e del suo Porto Franco internazionale, ha diffidato e denunciato alla magistratura il Commissario del Governo italiano a Trieste ed altri funzionari e politici per quella che l’atto, datato 19 gennaio, definisce «una colossale truffa internazionale» e «uno degli scandali maggiori e sinora meglio coperti del sistema di corruzione politico-istituzionale che devasta la Repubblica Italiana». Tra i politici locali coinvolti vi sono anche la presidente regionale e vice di Renzi nel PD, Debora Serracchiani, ed il sindaco PD Roberto Cosolini.


L’oggetto della diffida e denuncia (v. LINK) è il tentativo, da parte di «ambienti politico-speculativi italiani» di portare a termine una complessa ed annosa operazione per eliminare il settore Nord (detto anche “vecchio”) del Porto Franco internazionale, per consentirvi «speculazioni immobiliari ed edilizie illecite da 1,5 miliardi di euro» e per favorire il dirottamento da Trieste su porti della penisola italiana dei nuovi enormi traffici attesi per l’avvenuto  raddoppio del Canale di Suez e dallo sviluppo degli assi di traffico baltico-adriatico e transiberiano via Vienna-Bratislava.


Secondo la diffida-denuncia l’operazione sarebbe bloccata dalle opposizioni di Trieste Libera e della neocostituita International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste (I.P.R. F.T.T), ma politici e speculatori starebbero esercitando pressioni sull’attuale Commissario del Governo, Francesca Adelaide Garufi, per indurla ad emettere negli ultimi giorni prima del pensionamento a fine gennaio alcuni decreti, definiti “illegittimi”, che avvierebbero la sdemanializzazione, l’urbanizzazione e la vendita dell’area ora vincolata a porto franco. L’operazione violerebbe perciò sia il diritto internazionale che l’ordinamento italiano.


Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

This website uses cookies. By continuing to use this site, you accept our use of cookies.

Accept